Anno 2017

La laicità è anticristiana

Non è casuale che nella società contemporanea, caratterizzata da un avvilente torpore degli spiriti e dal dilagare delle più malsane opinioni, il “dialogo” riceva favore da chi, aggirando con argomenti di bassa lega sofistica l’obbligo di conformarsi alla divina verità del Verbo e della Sua Chiesa, propende ad alterare il Cattolicesimo in una versione ammodernata, appetibile ai gusti superficiali e alla mediocre curiosità di conversatori da salotto.

Il sacro Cuore  e la regalità sociale di Cristo

Contenuto sociale della devozione al S. Cuore

La devozione al Cuore di Dio, simbolo del Suo amore infinito per noi, la si trova già nell’Antico Testamento (Gen., VI, 6; 2 Sam., VII, 21; 1 Re, IX, 3; Ger., XXXII, 41; Os., XI, 8), come insegna Pio XII nell’ Enciclica Haurietis aquas del 1956 in cui il Papa, presentando il culto al S. Cuore di Gesù come vessillo di salvezza per il mondo moderno, scrive che la società contemporanea è “inquinata di indifferentismo religioso e ligia ai princìpi del materialismo ateo e dell’edonismo laicista”, la cui diffusione è da attribuirsi alla “macchinazione degli uomini empi, i quali più che per il passato sembrano eccitati dal nemico infernale nel loro odio implacabile ed aperto contro Dio, contro la Chiesa e contro colui che in terra è il legittimo Vicario del divin Redentore”[1].

LA GRANDE IPOCRISIA

In un contesto di generale apostasia come l’attuale, pressoché ignorata dall’elite dominante che l’accoglie come una condizione normale, è logico che in parallelo s’instauri anche una grande ipocrisia, cioè “una simulazione estesa specialmente all’ambito dell’ atteggiamento morale e dei rapporti sociali o affettivi’’, come recita il dizionario della lingua italiana. È la situazione che stiamo vivendo tutti, lamentandoci che le cose vanno male in ogni settore: sociale, politico, economico, familiare ed anche in ambito internazionale, con alcuni dati negativi in incremento:

Il pontificato di papa ratti - Seconda parte

Introduzione

In questa seconda parte dell’ articolo dedicato a Pio XI vedremo in maniera più approfondita la questione dei cristeros messicani, la guerra civile spagnola, i rapporti del Papa col nazionalsocialismo germanico, la condanna del comunismo nell’Enciclica Divini Redemptoris Missio (19 marzo 1937).

FATIMA 1917/2017

Saverio Gaeta ha scritto recentemente il libro intitolato Fatima. Tutta la verità. La storia, i segreti, la consacrazione (Cinisello Balsamo, San Paolo, 2017[1]). Questo libro è un lavoro esaustivo sulla storia delle apparizioni della Madonna a Fatima nel 1917, di quelle successive a suor Lucia e sul terzo Segreto[2].

Il pontificato di papa ratti - Prima parte

Vista d’insieme

Dopo aver risposto, in un precedente articolo, alle obiezioni specifiche mosse contro Benedetto XV (1854-1922) e Pio XI (1857-1939) di essere “Papi liberali” ed anche “bolscevichi”, in quest’articolo cerchiamo di studiare, in generale e per sommi capi, il non facile Pontificato di papa Ratti (6 febbraio 1922-10 febbraio 1939).