Anno 2015

DOVERI DELLO STATO CATTOLICO VERSO LA CHIESA Secondo il magistero tradizionale della Chiesa

INTRODUZIONE

Il cardinal Alfredo Ottaviani, che fu, assieme a padre Felice Maria Cappello e al card. Felice Cavagnis, uno dei massimi specialisti di “Diritto Pubblico Ecclesiastico” (ossia dei rapporti tra Stato e Chiesa) si decise a dare alle stampe la conferenza che aveva tenuto  il 2 marzo 1953 nell’aula magna del Pontificio Ateneo Lateranense,

Il “modernismo sociale” le sue radici

Studiando le radici dell’ideologia liberale classica ottocentesca e neo-liberista odierna ci si imbatte in vari movimenti caratterizzati dall’ esaltazione della libertà intesa come fine ultimo ed assoluto e non come mezzo[1]. Questa è la essenza del liberalismo filosofico e politico e del liberalismo economico o liberismo.

Il rimedio per far fronte all’autodemolizione  Aggiornamento e tradizione

Presentiamo ai nostri lettori la “Carta pastorale” di mons. Antonio De Castro Mayer, Vescovo di Campos in Brasile (1991) su “Aggiornamento e Tradizione” (11 aprile 1971) per illuminarli su quel che è successo in ambiente ecclesiale a partire dal pontificato di Giovanni XXIII, che ha introdotto “l’ aggiornamento” nella Chiesa

SI PUÒ ESSERE GUÉNONIANI E CATTOLICI?

Infiltrazione guénoniana negli ambienti cosiddetti “tradizionalisti”

René Guénon  (nato a Blois in Francia il 15 novembre 1886 e morto al Cairo in Egitto il 7 gennaio 1951) esercita ancor oggi un’ influenza innegabile e, purtroppo, talvolta assai profonda in ambienti legati anche alla Tradizione cattolica (cfr. E. Valtré, La droite du Père. Enquete sur la Tradition catholique aujourd’ hui, Parigi, Guy Trédaniel, 1994).

ANCORA SULL’ATEISMO CONCILIARE

La pretesa storicistica

“Fides ex auditu. La fede viene dall’ascolto”, insegnava la Chiesa una volta con San Paolo. A conferma c’è la parabola del ricco Epulone (Lc. 16). Questi, dall’inferno, chiede al padre Abramo di avvisare i suoi fratelli della pena che li aspetta (vv 27-28) ma Abramo risponde (vv. 29): “Hanno Mosè e i profeti, che ascoltino quelli”.

La teologia della “morte di satana”

Molti autori razionalisti e modernisti a partire dagli anni Sessanta hanno iniziato a negare apertamente l’esistenza del diavolo e a pubblicare libri su questi temi. I principali sono Herbert Hagg (dell’Università cattolica di Tubinga), il cui primo libro uscì in tedesco nel 1969 e venne tradotto in italiano nel 1973 dall’editrice Queriniana di Brescia sotto il titolo La liquidazione del diavolo;