Stampa
Categoria principale: Anteprime Notizie
Categoria: Anno 2014

SAN PIO X: “RISPONDO PUNTO PER PUNTO”

 Il 14 ottobre del 1911 san Pio X scrisse una Lettera di risposta (intitolata “Rispondo punto per punto” al Vescovo di Cremona mons. Geremia Bonomelli[1], che per il suo 80mo compleanno aveva inviato (con una lettera di accompagnamento) in omaggio a san Pio X un suo recente libretto[2] su tre Senatori italiani:

Thaon di Revel, Tancredi Canonico e Antonio Fogazzaro, che era stato condannato per modernismo dallo stesso san Pio X.

Nella sua Lettera di risposta papa Sarto esprime stupore e disappunto per il fatto che il Vescovo di Cremona presenta la vita e le opere di tre personaggi in odore di modernismo, di cui uno condannato formalmente, senza esprimere nessun giudizio sulla loro ortodossia dottrinale. Quindi San Pio X rinnova la condanna del modernismo con parole molto forti e risponde all’accusa rivoltagli dal Bonomelli di essere troppo severo nei confronti del modernismo e dei modernisti. Infine affronta il problema della “Questione romana” sollevata dal Bonomelli nella sua lettera.

Vediamo il testo della Lettera di San Pio X.

* * *

Innanzi tutto il Papa lamenta che nello scritto del Bonomelli sui tre Senatori, noti alla opinione pubblica e alla storia per le loro teorie liberali, filo/risorgimentali e modernistiche, “non si sia voluto fare apprezzamenti sui loro scritti e sulle loro opere”[3]. Il Papa osserva giustamente: “mi pare che specialmente un Vescovo dovrebbe dire qualcosa di più”[4]. Ossia è dovere del Vescovo prendere posizione sulla ortodossia o eterodossia dei personaggi che presenta al pubblico, altrimenti fa credere ai fedeli che nulla di inesatto vi sia nei loro scritti e nelle loro opere, mentre la S. Sede già si è pronunciata su di loro (e specialmente sul Fogazzaro) condannandoli per una forte venatura di modernismo.

 

* * *

San Pio X, poi risponde al Bonomelli che ha avuto l’ardire di raccomandargli “moderazione nelle disposizioni contro il modernismo”[5].

Il Pontefice distingue “moderno come fonte di studi severi dal modernismo”[6], che è cloaca di tutte le eresie (Enciclica Pascendi, 8 settembre 1907) e perciò “Mi meraviglio – continua papa Sarto – che voi troviate eccessive le misure prese dalla S. Sede per trattenere la fiumana, che minaccia di dilagare, mentre l’errore modernista che si vuol diffondere ai nostri giorni, è ben più micidiale di quello dei tempi di Lutero, perché tende direttamente alla distruzione non solo della Chiesa (come voleva Lutero), ma del cristianesimo”[7].  

Si noti, innanzi tutto, il verbo “trattenere” usato da San Pio X che è il medesimo impiegato da San Paolo nella 2a Epistola ai Tessalonicesi (II, 3-4) per indicare l’ostacolo, colui che trattiene o il katéchon, la forza che trattiene l’Anticristo finale dal regnare sul mondo intero: «Nessuno vi inganni [come se la seconda venuta del Signore sia imminente]. Infatti prima dovrà venire l’apostasia e dovrà essere rivelato l’uomo iniquo, il figlio della perdizione, colui che si contrappone e si innalza sopra ogni essere che viene detto Dio o è oggetto di culto, sino a sedere nel tempio di Dio, additando se stesso come Dio».

Sant’Agostino dice che l’apostasia è la separazione da Roma dei popoli che prima tutti le erano soggetti e San Tommaso d’Aquino (Commento alla II Epistola ai Tessalonicesi II, 3-4 capitolo 2, lezione 1, n. 34-35) chiarisce che, come dice papa Leone nel sermone “de Apostolis", «l’ impero romano non è venuto meno, ma si è trasformato da temporale in spirituale. Perciò bisogna dire che l’ apostasia dall’ impero romano si deve intendere non solo da quello temporale, ma anche da quello spirituale, cioè dalla fede cattolica della Chiesa romana». Sempre San Tommaso d’ Aquino (opuscolo 68 De Antichristo, nell’edizione di Parma, 1864) riafferma che “l’ostacolo” alla manifestazione dell’ Anticristo è la sottomissione alla Chiesa romana e che “colui che lo trattiene” è il Papato.

Inoltre San Pio X mette ben a fuoco la gravità dell’apostasia modernista, che 1°) distrugge soggettivisticamente la natura stessa della religione cristiana; 2°) fa di Cristo un mito dei primi cristiani; 3°) del cristianesimo fa una ideologia inventata da Paolo di Tarso e dalle prime comunità fondate da lui; 4°) di Dio fa un ente logico cioè un’idea prodotta dal bisogno del sentimento religioso dell’uomo, mentre Egli è l’Essere perfettissimo realmente ed oggettivamente esistente al di fuori della mente umana.

“Di fronte ad un male così grave – riprende San Pio X – non sono mai troppe le precauzioni, che prevenendo mettono in guardia senza far male a nessuno ed applicando poi con indulgenza e benignità le pene dovute”[8].

In breve la S. Sede avvisa i fedeli di non aderire a certe teorie, li previene, li mette in guardia, di modo che solo colui che vuol disprezzare le ammonizioni della Chiesa viene poi condannato: le disposizioni contro il modernismo in sé “non fanno del male a nessuno”, soltanto i battezzati che aderiscono al modernismo sono condannati per loro colpa e non per la eccessiva severità della Chiesa.

 

* * *

Bonomelli aveva scritto a papa Sarto: “con le vostre disposizioni così severe, farete o degli apostati o degli ipocriti”[9].

San Pio X ribatte: “abbiamo, purtroppo, degli apostati [i modernisti volontari e quindi colpevoli, ndr], ma non resi tali dalle leggi contro il modernismo, e li compiangiamo; avremo degli ipocriti, e peggio per loro; ma non avremo almeno nel Clero dei maestri e dei predicatori dell’errore modernista, che condurrebbero in breve tutto il mondo all’apostasia”[10].

Chi rende tale l’apostata e l’ ipocrita, dunque, non è San Pio X, ma la cattiva volontà del battezzato che abbraccia il modernismo apertamente e defeziona oppure colui che interiormente è modernista, ma non lo palesa in pubblico per restare dentro la Chiesa e modernistizzarla dal di dentro. San Pio X si preoccupa solo di non permettere al Clero di insegnare l’apostasia modernistica e quindi di traviare tutti i fedeli.

 

* * *

Infine il Papa risponde ad una domanda sibillina del Bonomelli, che addolora San Pio X. Il Vescovo di Cremona ha chiesto di “mettere fine al dissidio che c’è in Italia, alla lotta tra Stato e Chiesa [dopo il XX settembre del 1870, ndr], aggiungendo che basterebbe una parola del Papa per salvare tante anime”[11].

San Pio affronta faccia a faccia mons. Bonomelli e lo fa uscire allo scoperto, scrivendogli: “qual è questa parola prodigiosa che vi attendete da me? […]. Per parlare in termini chiari: [vi aspettate] la rinuncia al potere temporale della Chiesa?”[12].

E qui richiama la dottrina della Chiesa sul potere temporale, ribadita costantemente da Pio IX e da Leone XIII in numerosissime Encicliche. Il potere temporale è un mezzo che la Provvidenza ha voluto assegnare alla Chiesa affinché potesse mantenere la sua indipendenza spirituale, dottrinale e morale di fronte ai poteri umani che si son succeduti nei secoli. Come l’uomo ha bisogno di una casa sua per non dipendere da altri, così la Chiesa ha bisogno di uno Stato suo proprio per essere padrona “a casa sua”. Quindi Pio X, come Pio IX, “non può, non deve e non vuole” rinunciare a ciò che Dio ha dato “per tanti secoli come baluardo alla libertà della Chiesa. […]. Perché non è al potere temporale che si fa la guerra, ma a quello spirituale”[13]. Questo ha insegnato costantemente il Magistero pontificio, al quale anche mons. Bonomelli deve dare il suo assenso[14].

Alla istanza del Bonomelli di fidarsi delle guarentigie (garanzie) che il Governo italiano ha promesso alla Chiesa, Pio X risponde che non ci si può fidare di garanzie “assicurate da un governo schiavo della setta [la massoneria, ndr] e che si cambia ogni mese”[15].

Quindi è il Papa che fa una domanda esplicita al Bonomelli: “Ora vi domando se nelle presenti circostanze dopo una prova di quarant’anni, nei quali tutti i Governi d’Italia che si succedettero, hanno trattato la S. Sede e il Papa peggio assai di quel che avrebbe fatto il più accanito avversario, sia possibile pronunciare la parola che voi suggerite”[16].

Per concludere San Pio X ricorda al Bonomelli che “nessuno più del Papa ama davvero l’Italia, ma l’Italia che non sia schiava delle sette, l’Italia che risponde alla missione che le ha data la Provvidenza di essere la prima Nazione del mondo, perché sa apprezzare come merita il privilegio di avere nel suo seno il Papato”[17].

La questione, per San Pio X, non è l’Italia, ma il Governo sabaudo, che è schiavo della setta massonica e persegue il fine di distruggere non solo lo Stato del Papa, ma, se fosse possibile, anche la stessa Chiesa di Cristo.

* * *

Al termine di questa lettura ognuno potrà constatare quanta ragione ebbe San Pio X di lamentarsi, prima di morire, di non essere stato coadiuvato dai Vescovi nella sua lotta contro il modernismo. I Vescovi, infatti, erano o modernisti o filo modernisti oppure alcuni, come confessò poi di se stesso Benedetto XV, non avvertivano la gravità del pericolo (v. Disquisitio del francescano Ferdinando Antonello incaricato da Pio XII di far luce sull’ attività “repressiva” di cui San Pio X fu accusato anche durante il processo di beatificazione e di canonizzazione). È questo episcopato modernista o indocile ed incosciente che ha preparato il trionfo del Vaticano II.

Basilius

 

[1] Nato nel 1831 e morto nel 1914, fu Vescovo di Cremona. Nel 1904 inviò a S. Pio X un Memoriale in cui propugnava l’avvicinamento tra scienza e fede, tra Governo italiano e Chiesa. Nel 1889 aveva scritto un articolo intitolato Roma e l’Italia sulla Rassegna Nazionale in cui si pronunciava a favore di una riappacificazione tra Chiesa e Stato mediante la rinuncia della Chiesa al potere temporale. Il 13 aprile 1889 il suo articolo venne messo all’Indice degli scritti proibiti e mons. Bonomelli si sottomise (ma solo esteriormente come dimostrano le lettere poi inviate a San Pio X). Cfr. G. Astori, San Pio X e il vescovo Geremia Bonomelli, in “Rivista di Storia della Chiesa in Italia”, n. X, 1956, pp. 255-259.

[2] Profilo di tre personaggi italiani e moderni, Milano, Cogliati, 1911.

[3] Tutte le Encicliche e i principali Documenti pontifici emanati dal 1740, a cura di U. Bellocchi, vol. VII, Pio X (1903-1914), Città del Vaticano, LEV, 1999, p. 467.

[4] Ivi.

[5] Ivi.

[6] Ivi.

[7] Ivi.

[8] Ivi.

[9] Ivi.

[10] Ivi.

[11] Ivi.

[12] Ibidem, p. 468.

[13] Ivi.

[14] Cfr. Pio IX, Lettera Tuas libenter, 1863 sull’obbligatorietà del magistero costantemente insegnato.

[15] Ivi.

[16] Ibidem, p. 469.

[17] Ivi.

----------------------------------------------------------------------------------------

RICEVIAMO E RISPONDIAMO

Medjugorie, Francesco I e radio Maria

Caro direttore,

pur invecchiando, le mie facoltà intellettuali e critiche non si sono affievolite, anzi! Direi che si sono rinforzate, cosa che non avveniva in gioventù durante il Concilio Vaticano II, vissuto da me e da tanti altri cattolici, proprio a Roma dove lavoravo, con una certa indifferenza ed una certa “acquiescenza” verso tutto ciò che veniva deciso in quella storica assise, credendo che ne sarebbe uscito qualcosa di “veramente buono” e “fortificante” per la Santa Chiesa, oltre a tante conversioni ed aumento della Fede. Ma, ahimè! si è visto come sono andate a finire le cose.

Adesso prendo spunto dal bellissimo articolo “La Commedia nella Tragedia, ovvero dell’Ipocrisia” (a firma di L. P.), pubblicato nel n. 16 del 30 settembre 2014, riguardante i comportamenti di papa Bergoglio “alias Francesco” (come ama farsi chiamare). L’articolo illustra magnificamente l’attuale sfascio della Chiesa cattolica “diretta” (si fa per dire) da un Papa che ne combina di tutti i colori ed i cui comportamenti e detti lasciano alquanto dubbiosi e perplessi sulla sua autentica fede di Vicario di Cristo (e lo dico con la mia testa e non con quella dei mass media stupiditi dalla valanga di informazioni televisive e giornalistiche “politicamente corrette”), e mi fa molto riflettere su una trasmissione di Radio Maria recentemente ascoltata.

Alcune sere fa, durante la notte (non riuscivo a dormire, preoccupato dallo stato di salute di mia moglie, molto malata), ascoltando in cuffia la radio, ho captato la frequenza di Radio Maria in cui il padre Livio Fanzaga, suo direttore, parlava della necessità di tenere ferma e conservare la Fede anche nei momenti più bui della vita e citava numerosi casi in cui la Fede si può avere fin da bambini e conservarla intatta per tutta la vita, oppure si può perdere durante la gioventù e la maturità (come avviene in tutti i cristiani che non hanno mai approfondito le ragioni della propria fede), e quei casi in cui degli atei o agnostici, o indifferenti sin dalla gioventù, poi si convertono e trovano quella Fede anche negli ultimi anni o mesi della loro vita, come è il caso di tanti illustri convertiti alla Fede cattolica, di cui la storia è piena. Ed il padre Livio Fanzaga diceva che non si deve perdere la Fede, anche se – apparentemente – vi sono nella Chiesa alcuni comportamenti scorretti di tanti sacerdoti ed ecclesiastici indegni del loro abito. E fin qui, nulla di male.

Ma ecco che adesso… “casca l’ asino” (come suol dirsi). Ad un certo punto il padre Livio ha citato il seguente fatto, stigmatizzandolo atrocemente, criticandolo severamente: una signora, fedele ascoltatrice di Radio Maria, avendo sentito che la Madonna, apparsa ancora recentemente a Medjugorie, ha detto ai veggenti: “Pregate… pregate… per il mio (o “nostro”) caro [sic!] papa Francesco, affinché prosegua nella sua missione” (cito a memoria, non posso giurare che le parole siano proprio queste, ma il concetto è esatto) ha avuto una crisi di coscienza ed ha detto chiaro e tondo a padre Livio che NON crede più né a Radio Maria (che si fa paladina delle apparizioni mariane di Medjugorie) né alle apparizioni di Medjugorie stesse, giustificando il suo rifiuto con un ragionamento che a me appare assai logico: come sarebbe mai possibile che la Madonna, Madre di Nostro Signore Gesù Cristo, dica di invitare a pregare per il “caropapa Francesco, onde continui la sua missione ecc. ecc.?

La detta signora, ascoltatrice di Radio Maria, ma che ragiona con la sua testa, sosteneva che questo Papa NON può essere “caro” a Maria Santissima, poiché con i suoi atteggiamenti, i suoi incontri e con i suoi detti sta distruggendo la Fede cattolica giorno per giorno e la grandissima massa di fedeli cristiani che lo segue non se ne accorge!

Ecco qui il dramma “La commedia nella tragedia” di cui parla il sì sì no no del 30 settembre 2014.

Ma non è finita qui, caro direttore, perché c’è dell’altro. Padre Livio, commentando le critiche di quella signora che non voleva avere più nulla a che fare con Radio Maria, ha detto anche (l’ho udito io in quella trasmissione notturna) che vi sarebbe un “comitato”, o un “movimento” (non meglio specificato) di cattolici, i quali invitano tutti gli ascoltatori di Radio Maria a boicottarla non mandando più le loro offerte in danaro, dato che essa sostiene veritiere le apparizioni mariane di Medjugorie. La qual cosa ha mandato su tutte le furie il direttore di Radio Maria non solo perché accanito difensore di Medjugorie, ma perché preoccupato che molti ascoltatori della sua radio non gli manderanno più le offerte per sostenerla (come fa mia moglie).

A questo punto aggiungo alcune mie piccole osservazioni riguardanti papa Bergoglio. A me fa enormemente dispiacere e ritengo un fatto grave che un Papa, sin da quando è stato eletto e tuttora, dà il saluto dalla finestra del suo appartamento, la domenica, alle folle di piazza San Pietro, dicendo sempre: “Buon giorno… buona sera… buon pranzo… buon pomeriggio a tutti” (e simili) anziché: “SIA LODATO GESÙ CRISTO!”. Queste formule di cortesia sanno dirle anche i massoni, gli atei, i protestanti, gli agnostici ecc… ma non sanno dire, per l’appunto, forte e chiaro: “Sia lodato Gesù Cristo”. Forse questo Papa (certamente neomodernista) si vergogna di dire “Sia lodato Gesù Cristo”? Ha paura di “offendere” quei pochi (o, molti) che sono in piazza San Pietro non di fede cattolica, lì convenuti non per fede, ma per pura e semplice curiosità turistica? Ed allora, se si vergogna di dire “Sia Lodato Gesù Cristo” e se si rifiuta di benedire nel Nome del Signore gli astanti alle sue riunioni per “rispetto” a quelli che non hanno la fede o per “tema” di “offenderli”, ma che papa è mai?

Io ho letto tutto il libro “Dialogo tra credenti e non credenti” tra papa Francesco ed Eugenio Scalfari che ha provocato tanto scandalo. Ebbene, caro direttore, le dico che se non fossi stato uomo di grande fede e di forte e ben radicata cultura cattolica, ma fossi stato un “”tiepido”, o uno dei tantissimi cristiani apatici e superficiali, quel libro mi avrebbe fatto perdere quel che restava della mia poca fede! Ma come un papa ha il coraggio o, meglio, l’ardire di dire che il “proselitismo è una grande sciocchezza”? Non si rende conto che, così dicendo, egli ha sputato in faccia non solo alle migliaia di Santi e missionari che si sono immolati per convertire migliaia di anime a Cristo e alla Sua vera Chiesa, ma ANCHE ai dodici Apostoli i quali, proprio in base al mandato del loro Divino Maestro, hanno fatto proselitismo predicando il Vangelo a tutte le genti? San Paolo, l’Apostolo delle genti, e San Pietro, la Pietra su cui Cristo ha fondato la Sua Chiesa, avrebbero fatto una “grande sciocchezza” nel predicare a migliaia di ebrei e gentili del loro tempo? Certo, dato che questo papa va a dire all’ateo Scalfari che “il proselitismo è una grande sciocchezza”!

Possibile che un papa che “odora” di massoneria e di neomodernismo e che ha voluto distruggere i frati dell’Immacolata del monastero di Ognissanti a Firenze (di cui io ho seguito tutta la triste e vergognosa vicenda) sia “caro” alla Madonna che appare a Medjugorie?

I casi sono due: o la Madonna è cieca e sorda e non si accorge delle sciocchezze di questo “caro papa Francesco” oppure quelle apparizioni sono tutte una bufala. Io sono credente e amo tanto la Madonna, pregandola con molti rosari al giorno, ma rimango stordito, stupefatto, meravigliato, dubbioso, sconcertato dell’andazzo di “tante cose”, di tanti avvenimenti che in “questa Chiesa” postconciliare non mi convincono.

Chiedo a Lei, sig. direttore, di darmi una risposta a questo terribile dilemma: noi cattolici dobbiamo accettare tutto quello che fa e dice questo Papa, i cui discorsi fanno venire atroci dubbi? Come quando dice: “Dio perdona sempre”, ma non dice che perdona a condizione che il peccatore si penta amaramente e sinceramente dal profondo del cuore (come fece San Pietro che pianse amare lacrime per il suo rinnegamento), chieda perdono e prometta di cambiar vita.

Sentendo il Papa dire soltanto che “Dio perdona sempre”, il più accanito peccatore, il più accanito bestemmiatore, il più accanito delinquente può essere indotto a mantenere la sua turpe vita; tanto è sicuro che Dio lo perdona! (Già! lo ha detto il Papa!). È questo il frutto sicuro delle “semiverità” di papa Bergoglio. Stile – questo – tipico dei modernisti.

Questa ascoltatrice di Radio Maria ha forse torto a non volere più ascoltare le trasmissioni di quella emittente, capendo bene da sé che tra i comportamenti di questo Papa e le affermazioni della Madonna c’’è qualcosa che non va?

Lei mi sa spiegare cosa?

Grazie per la ospitalità scusandomi della lunghezza, dato l’ argomento “scottante”.

Lettera firmata

RISPONDIAMO

Caro lettore, Lei non ha bisogno di risposta. Come dimostra anche il caso della signora ascoltatrice di Radio Maria, il “sensus catholicus”, che è il buon senso soprannaturale, l’istinto della fede, basta al cattolico sincero per non deviare dalla Fede costante della Chiesa perdendosi dietro ad un uomo, sia pure successore di San Pietro, ma che è infallibile solo quando parla ex cathedra Petri (Vaticano I DB 1839) e non certamente quando contraddice ciò che la Chiesa “tenuit ac tenet” ovvero ha sempre creduto ed insegnato.  

- Gli articoli per intero sono disponibili sull'edizione cartacea spedita in abbonamento -